Stati Uniti in supporto delle forze armate filippine – @ilgiornale 14.12.2015

17 dicembre 2015 19:23 0 comments

Equipaggiamenti militari gratis al governo di Manila. Gli Usa stanziano 250 milioni di dollari per rafforzare la difese dei Paesi del Sud Est Asiatico in funzione anti cinese

obama filippine

Le relazioni tra Stati Uniti Filippine, storicamente forti, sono da considerarsi sempre più “speciali”. Manila è considerata dagli americani, tra gli alleati non-NATO, quella strategicamente più vicina in Asia.

Diversi sono i programmi di aiuto che Washinghton offre a Manila e l’Excess Defense Article (EDA), è uno di questi, in base al quale recentemente, le Filippine hanno ricevuto 77 veicoli corazzati M113 A2 dei 114 donati dagli Stati Uniti, che vanno così a rafforzare le forze militari, poco equipaggiate, e impegnate nella lotta contro vari gruppi ribelli nel Paese. Gli altri 37 arriveranno nei prossimi giorni. Manila ha ottenuto gli equipaggiamenti militari a titolo gratuito. La donazione aumenta il numero dei veicoli blindati dell’esercito filippino di oltre un terzo, portandolo a 455, rafforzando così la divisione meccanizzata, secondo quanto riferito dal colonnello Benjamin Hao.

L’esercito filippino deve ancora installare l’armamento e le apparecchiature di comunicazione sui veicoli. Washington, lo scorso mese, aveva fornito agli alleati filippini una nave da guerra come parte di un pacchetto di aiuti di 250 milioni di dollari destinato alle nazioni del sud-est asiatico. Altro programma degli Stati Uniti a favore delle Filippine è quello di assistenza nell’anti-terrorismo (Antiterrorism Assistance) del Dipartimento di Stato americano (ATA). L’Assistenza ATA include l’addestramento nei settori come la risposta alle crisi, la negoziazione ostaggi e l’addestramento sull’eliminazione del materiale esplosivo. Il programma è anche concentrato sul miglioramento della capacità della polizia filippina di condurre indagini antiterrorismo, comprese le indagini informatiche.

Ogni anno, si tengono tra i due paesi esercitazioni militari bilaterali, denominate Balikatan, che contribuiscono agli sforzi delle forze armate delle Filippine a sradicare le organizzazioni terroristiche di Abu Sayyaf e Jemaah Islamiyah e a portare lo sviluppo nelle tormentate aree a lungo sotto il controllo dei terroristi, in particolare Basilan e Jolo, aree poco sviluppate e dove vive la maggior parte della minoranza musulmana (5%) del Paese.

[…]


Continua la lettura dell’articolo a cura di Elvio Rotondo, Country Analyst, de “Il Nodo di Gordio” per ilGiornale.it -> Stati Uniti in supporto delle forze armate filippine

Elvio Rotondo

Nato a Cassino il 16 dicembre 1961, militare in congedo, laureato in scienze organizzative e gestionali presso l’Università degli studi La Tuscia di Viterbo, si è arruolato nell’Esercito Italiano nel 1978 prestando servizio in diversi reparti sul territorio nazionale. Nel corso della carriera militare si è occupato prevalentemente di Guerra Elettronica, di Intelligence e di Cooperazione Civile-Militare. Ha prestato servizio inoltre presso l’Ambasciata d’Italia di Seoul (Ufficio dell’Addetto Militare) e in ambito multinazionale presso il Multinational Cimic Group. Tra i molti corsi previsti per il proprio incarico, ha frequentato: NATO Intelligence Course, NATO Open Source Intel Course, NATO Intel Analyst Course, NATO Tactical CIMIC Course. È conoscitore della lingua inglese, russa, persiano farsi. In ambito internazionale ha preso parte alle operazioni NATO nei Balcani. Nel 2014 è stato collocato nella riserva. Collabora con il Think Tank Il Nodo di Gordio dal 2013 in qualità di Country Analyst. Autore del Blog 38esimoparallelo.com. Alcuni suoi articoli sono stati pubblicati su: “Il Giornale.it. “Affari Internazionali”; “Geopolitical Review”; “L’Opinione”; “Geopolitica.info”; “Analisi Difesa”.

Leave a Reply