Quel che resta dei BRICS – l’Indro 28.7.2017

29 luglio 2017 16:52 0 comments

quel-che-resta-dei-brics

Dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989, sembrò che la super potenza uscita vincitrice dalla Guerra Fredda, gli Stati Uniti d’America, fosse destinata a dominare la politica e l’economia mondiale per molto tempo: superata l’era della divisione in blocchi, il pianeta sembrava essere divenuto un unico ‘villaggio globale’ che, a parte poche eccezioni, prosperava sotto l’egemonia statunitense. Finiti i contrasti tra le grandi potenze, si parlò addirittura di ‘Fine della Storia’.

La natura illusoria di tale percezione non tardò a palesarsi. Già all’inizio del millennio, nuovi contrasti emersero dalle ceneri della Guerra Fredda, primo tra tutti il terrorismo che, l’11 settembre del 2001, spazzò via per sempre la sensazione di essere entrati in un’era di pace e prosperità.

Fu in questo periodo che si cominciò a parlare di economie emergenti: di Paesi che, una volta relegati a ruoli marginali, cominciavano ad avere un forte peso economico e, di conseguenza, politico. In questi anni fu coniato il termine BRICS: Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica.


Continua l’intervista a Marcello Ciola, Associate Analyst del Nodo di Gordio su l’Indro —> Quel che resta dei BRICS

Marcello Ciola

Nato a Ostuni (BR) il 2 luglio 1989. Nel novembre 2011 ottiene la laurea triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Università LUISS Guido Carli di Roma con una tesi dal titolo “I nazionalismi irlandesi tra il 1900 e il 1945 e le relazioni con la Germania” (relatore: Prof. Francesco Perfetti). Nell’aprile del 2014 consegue la laurea magistrale in Relazioni Internazionali presso l’Università LUISS Guido Carli con voto di 108/110 con una tesi dal titolo “La Shanghai Cooperation Organisation. Prospettive di un nuovo Great Game” (relatore: Prof. Miodrag Lekic). Ha partecipato a diverse summer school sui temi dell’Europa, della geopolitica, delle relazioni internazionali tra cui la scuola post-laurea dell’ASERI – Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica di Milano- su Analisi delle Relazioni Internazionali. Ha organizzato diversi seminari e panel nazionali e internazionali tra cui “Da Impero a Repubblica. La Turchia tra passato ottomano e futuro globale” in collaborazione con l’Ambasciata Turca presso la Repubblica Italiana, Limes e il dipartimento di Scienze Politiche dell’Università LUISS Guido Carli. È membro del direttivo dell’associazione culturale “Identità Europea” e membro fondatore del “Centro Studi Mediterranean Affairs”. Collabora con il Think Tank Il Nodo di Gordio dal 2013.

Leave a Reply