L’Europa mediterranea e la “rivolta” (possibile) – L’ Opinione 23.11.2016

25 novembre 2016 12:05 0 comments

trump_e_la_rivolta_possibile_dell_europa_mediterranea

Il contemporaneo successo elettorale tanto in Moldavia che in Bulgaria di quelli che, un po’ sommariamente, i mass media europei bollano come “filo-russi”, rappresenta un segnale politico estremamente interessante per tutto il nostro Vecchio Continente.

Certo, fra Igor Dodon, eletto meno di due settimane fa presidente della Moldavia, e il suo neo-collega di Sofia, Rumen Radev, passano non poche differenze. In primo luogo il nuovo leader moldavo, di formazione un economista, godrà di margini di manovra e poteri di quelli di Radaev, che ha un passato come generale dell’esercito; poi, la Bulgaria è membro dell’Unione Europea e fa parte della Nato, mentre la Moldavia stava – l’imperfetto ci pare, ormai, obbligatorio – perseguendo un non facile cammino di avvicinamento a Bruxelles, che, al Cremlino, veniva visto come l’ennesimo tentativo di attrarre, per vie indirette, un’ex-repubblica sovietica nell’orbita dell’Alleanza Atlantica.

[…]


Leggi l’articolo completo di Andrea Marcigliano, Senior fellow de Il Nodo di Gordio su L’Opinione -> L’Europa mediterranea e la “rivolta” (possibile)

 

Andrea Marcigliano

Andrea Marcigliano è nato a Mestre-Venezia il 28-12-1957. Saggista e scrittore da anni collabora a giornali e riviste culturali, occupandosi (prevalentemente) di filosofia politica e scenari geo-politici internazionali. Accanto a questo mantiene vivi i suoi interessi più squisitamente letterari e filosofici, visti gli ormai antichi studi di Lettere Classiche – a Trieste, con laurea in Storia delle Religioni – ed il fatto che insegna Italiano e Latino nel Liceo. Saggista e scrittore, ha pubblicato “Segni del Tempo”, “I figli di Don Chisciotte”, “Ritorno ad Atene”, “Il suicidio della Destra” (e-book); ha collaborato a numerosi volumi di studi, tra i quali ama ricordare “Ezra Pound perforatore di roccia”, “Jünger cioè il coraggio”; “Ideario europeo”, “Studi su Fernando Pessoa”. Suoi scritti sono apparsi in inglese, russo, spagnolo, portoghese, turco, azero e kazako. È Senior fellow del think Tank di Studi Geopolitici “Il Nodo di Gordio”, e collabora all’omonima rivista ed al Web Magazine. Per il Centro studi “Vox Populi” ha già collaborato ai volumi: “Imperi delle Steppe”, “Porte d’Eurasia”, “La profondità strategica nel pensiero di Ahmet Davutoglu”, “Viandanti fra due mondi”, “Da Bajkonur alle stelle. Il Grande Gioco nello spazio”, “La chiesa apostolica Albana” e, con Ermanno Visintainer scritto a quattro mani “L’Aquila nel Sole”, di cui è in corso di pubblicazione l’edizione russa. Vive a Roma.

Leave a Reply