Istanbul sotto attacco, chi ha interesse a destabilizzare la Turchia di Erdogan? Quattro ipotesi – @intelligonews 2.4.2015

2 aprile 2015 11:45 0 comments

Una serie di attacchi in poche ore: la Turchia è nel mirino. Ma da parte di chi? Nessuno sembra credere alle marginali milizie di estrazione marxista che hanno rivendicato gli attacchi. E allora si profilano quattro ipotesi: una resa dei conti fra gruppi di potere interni oppure lo zampino di qualche potenza esterna, come Usa, Russia o Iran.

turchia-uccisione-giudice-blackout

Per Andrea Marcigliano, del think tank “Il Nodo di Gordio”, «Erdogan è in una posizione difficile. La sua politica non è condivisa all’interno del partito. Anche con gli Usa i rapporti sono cambiati: Washington ha abbandonato la sua politica tradizionalmente filo-sunnita cercando l’accordo sul nucleare con l’Iran».

Per quanto riguarda la Russia, invece, «si sta puntando tutto sulla costituzione dell’Unione euroasiatica. Questa unione, però, nelle intenzioni di Mosca deve essere più ampia dell’area ex sovietica. È per questo che la Russia ha lanciato segnali alla Turchia. Cosa osta a questa alleanza? Intanto il fatto che nell’Unione è stata invitata anche l’Armenia, con cui la Turchia continua ad avere rapporti molto tesi. Poi il fatto che Mosca guardi con grande interesse alla Grecia. Terzo elemento di frizione: la Siria. Mosca ha sempre puntato sul governo di Damasco, che è un suo alleato storico. La Turchia sostiene l’opposizione ad Assad, per quanto l’arrivo dell’Isis abbia parzialmente modificato il quadro».

[…]


 

L’articolo completo con l’intervista ad Andrea Marcigliano, Senior fellow de “Il Nodo di Gordio” su Intelligonews.it —> Istanbul sotto attacco, chi ha interesse a destabilizzare la Turchia di Erdogan? Quattro ipotesi

 

Andrea Marcigliano

Andrea Marcigliano è nato a Mestre-Venezia il 28-12-1957. Saggista e scrittore da anni collabora a giornali e riviste culturali, occupandosi (prevalentemente) di filosofia politica e scenari geo-politici internazionali. Accanto a questo mantiene vivi i suoi interessi più squisitamente letterari e filosofici, visti gli ormai antichi studi di Lettere Classiche – a Trieste, con laurea in Storia delle Religioni – ed il fatto che insegna Italiano e Latino nel Liceo. Saggista e scrittore, ha pubblicato “Segni del Tempo”, “I figli di Don Chisciotte”, “Ritorno ad Atene”, “Il suicidio della Destra” (e-book); ha collaborato a numerosi volumi di studi, tra i quali ama ricordare “Ezra Pound perforatore di roccia”, “Jünger cioè il coraggio”; “Ideario europeo”, “Studi su Fernando Pessoa”. Suoi scritti sono apparsi in inglese, russo, spagnolo, portoghese, turco, azero e kazako. È Senior fellow del think Tank di Studi Geopolitici “Il Nodo di Gordio”, e collabora all’omonima rivista ed al Web Magazine. Per il Centro studi “Vox Populi” ha già collaborato ai volumi: “Imperi delle Steppe”, “Porte d’Eurasia”, “La profondità strategica nel pensiero di Ahmet Davutoglu”, “Viandanti fra due mondi”, “Da Bajkonur alle stelle. Il Grande Gioco nello spazio”, “La chiesa apostolica Albana” e, con Ermanno Visintainer scritto a quattro mani “L’Aquila nel Sole”, di cui è in corso di pubblicazione l’edizione russa. Vive a Roma.

Leave a Reply