Il Tesoro ora è un fortino espugnato – Huffingtonpost 28.09.2018

30 settembre 2018 18:53 0 comments

Italian Economy Minister Giovanni Tria attends as Prime Minister Giuseppe Conte (unseen) speaks during his first session at the Lower House of the Parliament in Rome, Italy, June 6, 2018. REUTERS/Tony Gentile

Tria resta al suo posto, ma sullo sfondo ci sono le dimissioni dopo l’approvazione della manovra.

Perché ogni argine è caduto. E la crisi italiana, come in un drammatico gioco dell’oca, sembra essere tornata al punto di partenza. Quando, avvalendosi delle sue prerogative, il capo dello Stato si rifiutò di nominare Paolo Savona all’Economia, perché quella scelta avrebbe incarnato la realizzazione del “piano B” di uscita dall’euro. Terreno che, chissà se è un caso, si ripropone proprio oggi nelle parole che proprio Savona consegna a Daniele Lazzeri, il direttore del think tank e rivistaIl nodo di Gordioe riportate, per primi, da Dagospia: “Abbiamo lanciato il guanto di sfida alla vecchia Europa, ora dobbiamo vincere la guerra, perché guerra sarà”.

Continua a leggere l’articolo su l’Huffingtonpost.it: https://www.huffingtonpost.it/2018/09/28/il-tesoro-ora-e-un-fortino-espugnato_a_23545147/?ncid=NEWSSTAND0011

Leave a Reply