Mari che Uniscono – Italia e Turchia pilastri del Mediterraneo

20 luglio 2015 14:21 0 comments

mari che uniscono_copertina

Indice Mari che uniscono

 Anno IV – Numero 8 – Maggio 2015

 

Abbonati al Nodo di Gordio

Dall’editoriale del direttore Daniele Lazzeri, “Dal G-20 al G-Zero: un mondo senza governance” di Mari che Uniscono – Italia e Turchia pilastri de Mediterraneo

C’è estremo bisogno di “governance”. Questa frase si sente ripetere durante i lavori dei molteplici consessi internazionali da due decenni a questa parte. Il mondo globalizzato, le accelerazioni nello sviluppo delle interazioni economiche e i radicali mutamenti in molti quadranti geopolitici, hanno determinato un progressivo aumento della necessità di “mettere ordine” all’andamento caotico nelle relazioni internazionali. Il duopolio russoamericano – ricordo a tratti nostalgico della divisione del mondo in due blocchi contrapposti negli anni della Guerra Fredda – ha lasciato ampi spazi di manovra ad altri e grintosi attori regionali che dall’Europa al Medioriente, dall’Africa Nera all’Asia centrale, fino all’Estremo Oriente ed al Pacifico hanno occupato spazi ed acquisito una rilevanza strategica cruciale negli equilibri geopolitici globali. Da qui, la preoccupazione di definire una nuova governance al passo con i mutati scenari di questo avvio tempestoso del XXI secolo

[…]

 

Indice Mari che uniscono

Daniele Lazzeri

Lavora da 20 anni nel settore dell'analisi e della consulenza in materia finanziaria. Giornalista pubblicista, è chairman del think tank di studi geopolitici e di economia internazionale Il Nodo di Gordio e Direttore responsabile dell’omonima rivista quadrimestrale, dove si occupa dell'analisi economico-finanziaria globale. Suoi saggi sugli impatti geopolitici delle nuove reti di pipeline (gasdotti e oleodotti) sono apparsi su quotidiani e riviste in Francia, Russia, Azerbaijan, Turchia e Kazakhstan. Sue interviste televisive sono state trasmesse da emittenti nazionali in Italia, Russia, Libano e Kazakhstan... leggi tutto il profilo

Leave a Reply