TRUMP IMPERATORE DI BISANZIO – L’Opinione 18.01.2019

18 gennaio 2019 12:06 0 comments

trump-1

È ormai diventato una sorta di luogo comune sentire analisti ed esperti – o presunti tali – di ogni estrazione sostenere che l’attuale Presidente americano, Donald Trump, sarebbe privo di una qualsiasi visione strategica in politica internazionale… che procederebbe a caso, con improvvise alzate d’ingegno a causa del suo carattere impulsivo, della sua impreparazione, della sua personalità, diciamo così, “atipica”. Ora è indubbio che da quando “The Donald” siede nello Studio Ovale, ci siamo dovuti abituare ad uno stile inusuale, a comportamenti e scelte che non hanno nulla in comune con quelli dei suoi predecessori, Democratici o Repubblicani che fossero. Tuttavia dedurre dall’esuberanza del personaggio – certo inusuale per la scena statunitense – una miopia in politica estera o, peggio, una totale assenza di visione strategica ci sembra alquanto superficiale. Vediamo, come esempio, alcune, recenti, dichiarazioni rilasciate, nei giorni scorsi, da Trump; dichiarazioni trattate con troppa sufficienza dai mass media, come se non fossero altro che delle boutade occasionali. Dietro alle quali, invece, è possibile intravvedere un ben preciso stile ed una strategia che sarebbe meglio non prendere sotto gamba.

Continua a leggere l’articolo di Andrea Marcigliano, Senior Fellow de “Il Nodo di Gordio” su L’Opinione: http://www.opinione.it/esteri/2019/01/18/andrea-marcigliano_trump-politica-internazionale-siria-erdoğan-scudo-spaziale/

Andrea Marcigliano

Andrea Marcigliano è nato a Mestre-Venezia il 28-12-1957. Saggista e scrittore da anni collabora a giornali e riviste culturali, occupandosi (prevalentemente) di filosofia politica e scenari geo-politici internazionali. Accanto a questo mantiene vivi i suoi interessi più squisitamente letterari e filosofici, visti gli ormai antichi studi di Lettere Classiche – a Trieste, con laurea in Storia delle Religioni – ed il fatto che insegna Italiano e Latino nel Liceo. Saggista e scrittore, ha pubblicato “Segni del Tempo”, “I figli di Don Chisciotte”, “Ritorno ad Atene”, “Il suicidio della Destra” (e-book); ha collaborato a numerosi volumi di studi, tra i quali ama ricordare “Ezra Pound perforatore di roccia”, “Jünger cioè il coraggio”; “Ideario europeo”, “Studi su Fernando Pessoa”. Suoi scritti sono apparsi in inglese, russo, spagnolo, portoghese, turco, azero e kazako. È Senior fellow del think Tank di Studi Geopolitici “Il Nodo di Gordio”, e collabora all’omonima rivista ed al Web Magazine. Per il Centro studi “Vox Populi” ha già collaborato ai volumi: “Imperi delle Steppe”, “Porte d’Eurasia”, “La profondità strategica nel pensiero di Ahmet Davutoglu”, “Viandanti fra due mondi”, “Da Bajkonur alle stelle. Il Grande Gioco nello spazio”, “La chiesa apostolica Albana” e, con Ermanno Visintainer scritto a quattro mani “L’Aquila nel Sole”, di cui è in corso di pubblicazione l’edizione russa. Vive a Roma.

Leave a Reply