Russia: prossimamente il Libro Bianco della difesa

13 ottobre 2014 11:53 0 comments

Il Ministero della Difesa Russo presenterà nel primo trimestre del 2015 un “Libro Bianco” sulle minacce alla sicurezza nazionale del paese e sullo sviluppo generale delle Forze Armate, secondo quanto riferito alla Ria Novosti dal Presidente del Comitato militare Scienza delle Forze Armate russe Stanislav Suvorov.

Il Libro Bianco “Le Forze Armate della Federazione Russa” sarà una pubblicazione aperta del Ministero della Difesa per presentare il punto di vista ufficiale circa le minacce militari e i rischi per la sovranità dello Stato, l’integrità territoriale e gli interessi nazionali e le linee guida per lo sviluppo delle forze armate. In precedenza, l’Izvestia già nel mese di luglio, riportava che la Russia aveva intenzione di aumentare il finanziamento al settore della difesa (per compensare le mancate importazioni). Il governo prevedrebbe di aumentare la spesa di bilancio per la difesa dall’attuale 17.7% al 21% in tre anni.

RUSSIA-DEFENCE-SUBMARINE

Russian navy officers attend the launching ceremony of the Russian diesel-electric attack submarine Stary Oskol on Admiralty Shipyard in Saint Petersburg on August 28, 2014. Submarine ‘Stary Oskol’ Project 636 is the third in the series, built to deliver the Russian Black Sea Fleet. Stary Oskol belongs to the Improved Kilo by NATO classification. (OLGA MALTSEVA/AFP/Getty Images)

A proposito delle importazioni militari, la Russia avrebbe dovuto ricevere, prossimamente, la prima delle due navi della classe Mistral dalla Francia ma a causa dell’embargo tutto è stato sospeso. L’agenzia russa Itar Tass riporta che la mancata consegna delle due navi potrebbe influenzare in qualche modo anche il contratto con l’India per quanto riguarda l’acquisizione del caccia francese “Rafale” che non è stato ancora firmato. L’editore capo della rivista militare francese “Defense et Securite Internationale”, Joseph Henrotin, ha commentato che “il fornitore che non mantiene i termini del contratto, in particolare nei confronti della Russia, che è alleato dell’India, rischia di perdere la fiducia del cliente oltre al danno per la sua reputazione”. [L’India dovrebbe entrare a far parte dell’Organizzazione di Shanghai per la cooperazione (SCO) il prossimo anno]. L’agenzia russa riporta inoltre, che in base al contratto, ogni nave Mistral deve essere costruita dalla Francia entro 36 mesi. La prima delle due navi, denominata “Vladivostok”, dovrebbe arrivare a San Pietroburgo da Saint-Nazaire, in Francia, nel dicembre 2014. Secondo i piani, a San Pietroburgo dovrebbe essere dotata di armi russe, hardware e sistemi militari. Dopo l’addestramento degli equipaggi la “Vladivostok” dovrebbe navigare con la Flotta del Pacifico.

L’ultimo libro bianco pubblicato in Russia, lo scorso maggio, riguardava le violazioni dei diritti umani in Ucraina ed era stato preparato dal Ministero degli Esteri e poi presentato dal Presidente russo, Vladimir Putin. Questo, secondo l’agenzia russa Itas Tass, includeva numerose violazioni dei diritti umani in Ucraina tra la fine di novembre 2013 e la fine di marzo 2014.

Elvio Rotondo

Country Analyst

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Elvio Rotondo

Nato a Cassino il 16 dicembre 1961, militare in congedo, laureato in scienze organizzative e gestionali presso l’Università degli studi La Tuscia di Viterbo, si è arruolato nell’Esercito Italiano nel 1978 prestando servizio in diversi reparti sul territorio nazionale. Nel corso della carriera militare si è occupato prevalentemente di Guerra Elettronica, di Intelligence e di Cooperazione Civile-Militare. Ha prestato servizio inoltre presso l’Ambasciata d’Italia di Seoul (Ufficio dell’Addetto Militare) e in ambito multinazionale presso il Multinational Cimic Group. Tra i molti corsi previsti per il proprio incarico, ha frequentato: NATO Intelligence Course, NATO Open Source Intel Course, NATO Intel Analyst Course, NATO Tactical CIMIC Course. È conoscitore della lingua inglese, russa, persiano farsi. In ambito internazionale ha preso parte alle operazioni NATO nei Balcani. Nel 2014 è stato collocato nella riserva. Collabora con il Think Tank Il Nodo di Gordio dal 2013 in qualità di Country Analyst. Autore del Blog 38esimoparallelo.com. Alcuni suoi articoli sono stati pubblicati su: “Il Giornale.it. “Affari Internazionali”; “Geopolitical Review”; “L’Opinione”; “Geopolitica.info”; “Analisi Difesa”.

Leave a Reply