La Spada e la Fede: Astana capitale del dialogo interreligioso – @ilgiornale 9.6.2015

19 giugno 2015 14:37 0 comments

Al Forum dei Leader religiosi Mondiali di Astana in Kazakhstan, si cerca un antidoto alle guerre di religione

astana

Tra il 10 e l’11 Giugno, ad Astana, capitale della Repubblica del Kazakhstan si terrà il V Forum Mondiale dei Leader Religiosi. Un vero e proprio “vertice” fra esponenti di primo piano delle diverse Religioni Universali e Tradizionali e, al contempo, leader politici, tant’è vero che, fra gli oltre 500 delegati in arrivo in questi giorni in Kazakhstan, vi sono, per fare solo alcuni esempi, il Presidente del Pontificio Istituto per il Dialogo Interreligioso, il Cardinale Jean-Lousi Tauran – inviato personale di Papa Francesco – il Segretario Generale dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica Iyad Madani, il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon, il Segretario Generale dell’Osce Lamberto Zannier, il re di Giordania – e diretto discendente del Profeta – Abdullah II, il Presidente della Finlandia Sauli Niinisto, quello dell’Etiopia Mulatu Teshome…

Ed è proprio questa, diciamo così, commistione fra esponenti religiosi e politici la prima caratteristica che distingue il Forum di Astana da altre similari iniziative, in primo luogo quegli incontri di Assisi promossi, ormai un quarto di secolo fa, da Giovanni Paolo II. Infatti, senza voler sminuire o discutere gli aspetti più decisamente “spirituali” di questo incontro, è palese che questo Congresso ha, soprattutto, una importante valenza politica, come dimostrano, per altro, gli stessi argomenti dei previsti “panel” di discussione: “Responsabilità dei leader religiosi e politici verso l’Umanità”, “Religione e politica”, “Influenza delle Religioni sui giovani, la cultura, i media, l’istruzione, la scienza”…

[…]


Leggi l’articolo completo di Andrea Marcigliano, Senior fellow de “Il Nodo di Gordio” per ilGiornale.it —> La Spada e la Fede: Astana capitale del dialogo interreligioso

 

Andrea Marcigliano

Andrea Marcigliano è nato a Mestre-Venezia il 28-12-1957. Saggista e scrittore da anni collabora a giornali e riviste culturali, occupandosi (prevalentemente) di filosofia politica e scenari geo-politici internazionali. Accanto a questo mantiene vivi i suoi interessi più squisitamente letterari e filosofici, visti gli ormai antichi studi di Lettere Classiche – a Trieste, con laurea in Storia delle Religioni – ed il fatto che insegna Italiano e Latino nel Liceo. Saggista e scrittore, ha pubblicato “Segni del Tempo”, “I figli di Don Chisciotte”, “Ritorno ad Atene”, “Il suicidio della Destra” (e-book); ha collaborato a numerosi volumi di studi, tra i quali ama ricordare “Ezra Pound perforatore di roccia”, “Jünger cioè il coraggio”; “Ideario europeo”, “Studi su Fernando Pessoa”. Suoi scritti sono apparsi in inglese, russo, spagnolo, portoghese, turco, azero e kazako. È Senior fellow del think Tank di Studi Geopolitici “Il Nodo di Gordio”, e collabora all’omonima rivista ed al Web Magazine. Per il Centro studi “Vox Populi” ha già collaborato ai volumi: “Imperi delle Steppe”, “Porte d’Eurasia”, “La profondità strategica nel pensiero di Ahmet Davutoglu”, “Viandanti fra due mondi”, “Da Bajkonur alle stelle. Il Grande Gioco nello spazio”, “La chiesa apostolica Albana” e, con Ermanno Visintainer scritto a quattro mani “L’Aquila nel Sole”, di cui è in corso di pubblicazione l’edizione russa. Vive a Roma.

Leave a Reply