La Politica Economica dell’Impero Ottomano, intervista a Murat Birdal

18 marzo 2012 15:45 1 comment

Nel suo libro “The Political Economy of Ottoman Public Debt”, si affronta la questione del debito pubblico nell’Impero Ottomano. Ci sono alcune corrispondenze con la situazione attuale di crisi del debito sovrano in Europa?

La maggior parte delle ondate di crisi del debito sovrano seguono uno schema simile. Iniziano con una contrazione delle economie principali che portano alla fuga di capitali dalle economie periferiche. Con la percezione crescente del rischio il capitale cerca porto sicuro in valute forti. Prima della crisi, molti economisti pensavano che l’Euro avrebbe rivaleggiato con il dollaro come valuta chiave. Ma la storia ha dimostrato che si sbagliavano. Nel 2008, la crisi è iniziata all’interno dell’economia americana, ma il capitale ha cercato rifugio in dollari USA. Come la crisi dilagava, l’Euro perdeva il 20 per cento del valore contro il dollaro in caduta 2008.

Nelle prime fasi della crisi, la crisi del credito sui mercati internazionali e l’aumento dei tassi di interesse ha determinato alle economie indebitate la sperimentazione di problemi del servizio del debito. Non è un caso che il default ottomano, nel 1875, fu preceduto dalla cosiddetta “lunga depressione” del 1873, così come la crisi del debito sovrano in Europa è stata preceduta dalla crisi del 2008. In entrambi i casi, il debito sovrano ha continuato ad accumularsi fino a che i debitori sono riusciti a prendere prestiti dai mercati internazionali. Sono stati il cambiamento delle circostanze globali e la stretta creditizia che hanno generato le crisi.

Un’altra similitudine è la perdita di autonomia nei paesi debitori a seguito delle crisi del debito. IL default ottomano nel 1875 aveva portato all’istituzione di un’Amministrazione europea controllata del debito pubblico ottomano (OPDA), che controllava le risorse più liquide dell’economia ottomana. Dopo la OPDA, il governo ottomano riacquistò l’accesso ai mercati del capitale internazionale e li prese in prestito a tassi più bassi.

Ma nuovi prestiti significava mettere più fonti di reddito sotto il controllo del OPDA e una maggiore perdita di autonomia nelle politiche economiche. Nel 1912, il OPDA ebbe più dipendenti che il Ministero delle Finanze.

Sotto vari punti di vista, la situazione in Europa (in particolare in Grecia) ha analogie con il caso ottomano. Le misure di austerità imposte sulle economie debitrici non lasciano spazio a politiche indipendenti o a meccanismi democratici. La creazione dell’OPDA al tempo fu annunciato come un duro colpo all’orgoglio turco. Le misure di austerità imposte ai paesi debitori di oggi sono percepite allo stesso modo.

Qualche tempo fa, abbiamo tutti visto il ministro italiano Elsa Fornero scoppiare in lacrime durante l’annuncio della nuova riforma pensionistica. Mi ha ricordato l’ex ministro turco dell’Economia Hikmet Ulugbay, il quale tentò, nel 1999, il suicidio durante i negoziati con il FMI per un nuovo accordo. L’onere delle misure di austerità è imposto alle masse già impoverite dei paesi debitori. È ovvio che tali politiche non siano di facile attuazione mantenendo la coscienza pulita.

A questo proposito, Lei sostiene che il capitalismo occidentale non è un’entità monolitica, ma una espressione di diversi interessi contrastanti. Oggi, c’è una nuova forma di capitalismo o stiamo assistendo alla fine del capitalismo?

È troppo presto per affermare che stiamo assistendo alla fine del capitalismo. Ogni grave crisi economica porta ad una crisi politica e ad uno spostamento degli equilibri di potere. Durante le fasi iniziali della crisi del 2008, alcuni eminenti economisti avevano frettolosamente annunciato un inevitabile ritorno alle politiche keynesiane, sottolineando le analogie con la crisi del 1929. Tuttavia, si lasciarono sfuggire il fatto che la classe operaia era politicamente molto più organizzato al momento. Nella sua famosa lettera a Roosevelt, Keynes sosteneva che le politiche del New Deal erano l’unica alternativa alla lotta di classe. Dopo il 2008, negli Stati Uniti, tutti abbiamo visto come Wall Street abbia gestito il processo di salvataggio in linea con i propri interessi. I profitti nel settore finanziario hanno recuperato più velocemente che in qualsiasi altro settore dell’economia. Nel frattempo, la disuguaglianza del reddito, negli Stati Uniti, è salita al livello più alto dalla II Guerra mondiale. Smantellando i resti dello Stato sociale, il capitalismo sta prendendo una svolta strategica a questo punto. Ma, ovviamente, non verso una direzione socialmente più orientata.

 

La crescita economica della Turchia ha superato la Cina nel 2011 con una crescita del PIL superiore al 9%. Tuttavia, il disavanzo delle partite correnti (la differenza tra importazioni ed esportazioni) ha raggiunto un totale di 78,6 miliardi di dollari, pari a circa il 10% del PIL. Ciò significa che la Turchia è fortemente indebitata. Lei è un professore di economia: quali dovrebbero essere le misure da adottare?

 

Sicuramente entrambe le misure sono di vitale importanza per un’economia. Ma questi indicatori mostrano anche che la crescita economica di questo passo, non è sostenibile nel lungo periodo. Il disavanzo delle partite correnti della Turchia è senza dubbio una limitazione importante sulla crescita economica. E ‘anche il motivo per cui il rating della Turchia in valuta estera è rimasto sotto il livello degli investimenti, mentre il rating in valuta locale è stato aggiornato. L’alto livello di disavanzo delle partite correnti porta a erodere la fiducia nella Lira turca. Il rischio del cambio è anche utile per una maggiore limitazione sugli investimenti stranieri.

 

Che tipo di ripercussioni ci potrebbero essere sull’economia turca, causate dalla recessione italiana ed europea?

L’Unione europea è il principale partner commerciale della Turchia con il 47 per cento suddiviso nelle esportazioni. Quindi, una recessione in Europa significa una grave contrazione dei settori orientati nelle esportazioni. Tra il 2007-2010 le esportazioni turche hanno in parte evitato le conseguenze della contrazione in Europa, grazie alla quota crescente di Medio Oriente e Nord Africa.

Inoltre, aumentare la percezione del rischio nei confronti dell’Euro, significa rendere il dollaro più forte. Non solo, ma anche dell’Euronei confronti della Lira turca. In questo momento, un altro problema importante per l’economia turca è il livello elevato del debito estero del settore privato, circa 200 miliardi di dollari. La maggior parte del debito del settore privato estero è in dollari USA. Quindi, un aumento del tasso di cambio del dollaro avrà gravi effetti negativi sui bilanci.

1 Comment

Leave a Reply