Il dilemma del Sultano – @ilgiornale 5.5.2015

9 maggio 2015 20:47 0 comments

Erdogan deve affrontare elezioni cruciali, facendo leva sul ventre profondo del nazionalismo turco. Ma proprio questo sta frazionando l’Akp

Erdogan ha un problema. O, più esattamente, si trova di fronte ad un dilemma. Un bivio che, da una parte, vede l’approssimarsi delle Elezioni Politiche, che si terranno in Turchia il prossimo 13 Giugno; dall’altro vi è lo scenario internazionale, dove Ankara sembra rischiare un progressivo isolamento.

E i due problemi, inevitabilmente, sono inestricabilmente intrecciati.

Ad appena un anno dalla sua, trionfale, elezione alla presidenza della Repubblica, Erdogan si trova a dover affrontare una cruciale tornata elettorale; tanto più cruciale se si pensa che il leader turco vuole fare della prossima una legislatura costituente, per trasformare radicalmente l’assetto istituzionale, portando la Turchia ad essere una Repubblica presidenziale su modello statunitense, con l’abolizione del ruolo di Primo Ministro, attualmente ricoperto da Ahmet Davutoglu. Per far questo, però, sarebbe necessaria una maggioranza parlamentare qualificata, ovvero, tradotto in parole povere, circa 50 seggi più di quelli di cui gode attualmente l’AKP, il partito di cui il Presidente è stato fondatore e resta il principale leader.

[…]


Leggi l’articolo completo di Andrea Marcigliano, Senior fellow de “Il Nodo di Gordio” per ilGiornale.it —> Il dilemma del Sultano

Andrea Marcigliano

Andrea Marcigliano è nato a Mestre-Venezia il 28-12-1957. Saggista e scrittore da anni collabora a giornali e riviste culturali, occupandosi (prevalentemente) di filosofia politica e scenari geo-politici internazionali. Accanto a questo mantiene vivi i suoi interessi più squisitamente letterari e filosofici, visti gli ormai antichi studi di Lettere Classiche – a Trieste, con laurea in Storia delle Religioni – ed il fatto che insegna Italiano e Latino nel Liceo. Saggista e scrittore, ha pubblicato “Segni del Tempo”, “I figli di Don Chisciotte”, “Ritorno ad Atene”, “Il suicidio della Destra” (e-book); ha collaborato a numerosi volumi di studi, tra i quali ama ricordare “Ezra Pound perforatore di roccia”, “Jünger cioè il coraggio”; “Ideario europeo”, “Studi su Fernando Pessoa”. Suoi scritti sono apparsi in inglese, russo, spagnolo, portoghese, turco, azero e kazako. È Senior fellow del think Tank di Studi Geopolitici “Il Nodo di Gordio”, e collabora all’omonima rivista ed al Web Magazine. Per il Centro studi “Vox Populi” ha già collaborato ai volumi: “Imperi delle Steppe”, “Porte d’Eurasia”, “La profondità strategica nel pensiero di Ahmet Davutoglu”, “Viandanti fra due mondi”, “Da Bajkonur alle stelle. Il Grande Gioco nello spazio”, “La chiesa apostolica Albana” e, con Ermanno Visintainer scritto a quattro mani “L’Aquila nel Sole”, di cui è in corso di pubblicazione l’edizione russa. Vive a Roma.

Leave a Reply