Opportunità per le industrie della difesa russe al Dubai Air Show

24 novembre 2015 13:02 3 comments

su-35

Dopo la firma del contratto per la fornitura all’Iran di sistemi di difesa anti-missile russi S-300, annunciato a Dubai, da Serghiei Chemezov, direttore generale della holding statale russa Rostec, le aziende russe si apprestano ad offrire anche ad altri paesi i propri sistemi d’arma.

L’azienda russa Rosoboronexport era presente al Salone internazionale dell’aeronautica di Dubai 2015, tenutosi dall’8 al 12 di novembre, con i principali sistemi di difesa aerea, come il complesso missilistico Pantsir-S1, con il caccia multiruolo Su-35 e MiG-29M/M2, l’addestratore avanzato biposto di quarta generazione Yak-130, l’aereo da trasporto militare IL-76MD-90A, l’elicottero d’attacco Ka-52, l’elicottero da combattimento-trasporto Mi-35M, elicotteri Mi-17 da trasporto militare.

La Russia ora starebbe offrendo a potenziali acquirenti il sistema missilistico più avanzato S-400, che secondo alcuni, per molti aspetti è ritenuto addirittura superiore ai Patriot degli Stati Uniti e può contrastare anche missili da crociera Tomahawk così come i velivoli AWACS, a distanze fino a 400 km.  La Cina avrebbe già firmato un contratto per l’acquisto e molti altri paesi, tra cui l’Arabia Saudita, starebbero considerando la possibilità.

Chemezov ha inoltre riferito che la Russia starebbe negoziando con l’Egitto la vendita del sistema missilistico Buk e sistemi di difesa aerea Antei-2500. Durante l’evento sarebbe stato annunciato che l’aeronautica degli Emirati Arabi Uniti starebbe prendendo in considerazione l’acquisto di caccia di 4^ generazione, Su-35. Durante l’evento, gli Emirati avrebbero inoltre firmato un contratto con la società aerospaziale svedese Saab, del valore di 1,27 miliardi di dollari. L’accordo prevede l’acquisto da parte dello Stato emiratino di due nuovi aeromobili di sorveglianza Global 6000 a lungo raggio, mentre altri due jet Saab 340 già di proprietà degli Emirati Arabi Uniti saranno sottoposti ad aggiornamenti dei sistemi.

Secondo quanto riporta il sito “Thediplomat.com”, l’India avrebbe deciso di procurarsi il sistema avanzato anti-missili balistici russo S-400 Triumf terra-aria per un valore di circa 10 miliardi di dollari. Una volta completato, l’affare degli S-400, potrebbe rappresentare il più grande affare tra New Delhi e Mosca e un grande colpo per la Russia che è stata il principale fornitore indiano di armamenti nel corso degli ultimi cinque anni, pari al 75 % degli acquisti.

La rivista Defense News riporta che l’Aeronautica indiana avrebbe richiesto questo sistema di difesa aerea per integrare il proprio, garantendosi le capacità di colpire bersagli multipli, tra cui i missili balistici e aerei stealth. Il sistema S-400 Triumf è in grado di intercettare e distruggere bersagli aerei a una distanza massima di 400 chilometri e può individuare fino a 36 obiettivi contemporaneamente in un raggio che va da 30 a 400km.

Secondo i media indiani, l’accordo sul S-400 sarebbe stato concordato tra il Ministro indiano della difesa Manohar Parrikar e il suo omologo russo Sergei Shoigu durante una riunione del gruppo bilaterale ad alto livello sulla cooperazione militare e tecnica.

L’accordo sarà probabilmente annunciato formalmente in occasione della visita di stato del primo ministro indiano Narendra Modi prevista in Russia entro la fine dell’anno.

Elvio Rotondo

Country Analyst

Elvio Rotondo

Nato a Cassino il 16 dicembre 1961, militare in congedo, laureato in scienze organizzative e gestionali presso l’Università degli studi La Tuscia di Viterbo, si è arruolato nell’Esercito Italiano nel 1978 prestando servizio in diversi reparti sul territorio nazionale. Nel corso della carriera militare si è occupato prevalentemente di Guerra Elettronica, di Intelligence e di Cooperazione Civile-Militare. Ha prestato servizio inoltre presso l’Ambasciata d’Italia di Seoul (Ufficio dell’Addetto Militare) e in ambito multinazionale presso il Multinational Cimic Group. Tra i molti corsi previsti per il proprio incarico, ha frequentato: NATO Intelligence Course, NATO Open Source Intel Course, NATO Intel Analyst Course, NATO Tactical CIMIC Course. È conoscitore della lingua inglese, russa, persiano farsi. In ambito internazionale ha preso parte alle operazioni NATO nei Balcani. Nel 2014 è stato collocato nella riserva. Collabora con il Think Tank Il Nodo di Gordio dal 2013 in qualità di Country Analyst. Autore del Blog 38esimoparallelo.com. Alcuni suoi articoli sono stati pubblicati su: “Il Giornale.it. “Affari Internazionali”; “Geopolitical Review”; “L’Opinione”; “Geopolitica.info”; “Analisi Difesa”.

3 Comments

  • Giuseppe Petrola

    Il sistema di difesa missilistico russo S300 -S400 è il piu avanzato rispetto ai sistemi missilistici USA? Grazie

    • Elvio Rotondo

      Al momento, sembra che il sistema di difesa missilistico russo, noto per le sue sofisticate capacità, sia considerato uno dei migliori sistemi di difesa antimissile al mondo.
      Il sistema S-400 ha una gamma di monitoraggio di 600 km e capacità di colpire obiettivi a 400 km, alla velocità di 17.000 chilometri all’ora – più veloce di qualsiasi velivolo esistente, l’S-400 è considerata un’arma veramente spaventosa. E’ stata schierata la prima volta dalla Russia nel 2010. Ogni battaglione di S-400 ha in dotazione otto lanciatori, un centro di controllo, radar e 16 missili disponibili.

      In considerazione del suo lungo raggio e un’efficace capacità di guerra elettronica, l’S-400 è un sistema che sovverte e che sfida le attuali capacità militari a livello operativo, con l’effetto di trasformare il sistema difensivo in un sistema offensivo. Il nuovo sistema di difesa aerea S400 della Russia possiede il doppio della gittata dei missili Patriot americani.
      Per i russi, non esiste velivolo (compresi il B-2, l’F-22 e l’F-35) in grado di affrontare impunemente un sistema S-400.
      In futuro sarà prodotto l’S-500 che avrà un raggio di avvistamento di 200 chilometri superiore a quello dell’S-400, ossia di circa 800 chilometri.
      Le capacità di combattimento del sistema di difesa aerea missilistica S-500 sono progettate per superare la difesa aerea del sistema missilistico S-400 Triumf, attualmente in servizio, e il suo rivale degli Stati Uniti – il sistema di difesa missilistica RAS-3, l’ultimo modello del sistema di difesa aerea missilistica Patriot.

  • Hello boys! come stai “vecchia canaglia” ?? sempre in gamba quanto vedo complimenti è sempre un piacere leggere le tue considerazioni un grande abbraccio by Mario Marmo

Leave a Reply